giovedì 13 febbraio 2014

Bugie di carnevale

Le bugie di carnevale
Le bugie di carnevale sono proprio buone, in Sardegna e in particolare nell'area del Campidano si chiamano anche pillus frittus; sono frittelle di carnevale facili da preparare in quanto non richiedono molto lavoro. Sono simili alle chiacchiere, e si possono personalizzare in molti modi, ecco una ricetta tipica della zona di Oristano.

Ingredienti
1 kg di semola
200 gr. di strutto
1 pizzico di sale
2-3 bicchieri di acqua calda

Preparazione: in un tavolo ampio disporre la semola, e facendo la classica fontana mischiare lentamente i diversi ingredienti dell'impasto; per maggiore comodità potreste utilizzare anche un recipiente adatto all'uso, in sardo la classica scivedda.  Lavorare la pasta fino a che non viene morbida ed elastica. Ora stenderla facendo una sfoglia molto fine, come se doveste fare delle lasagne. Una volta fatto ciò, ritagliare con un apposito tagliapasta dei rombi, che devono essere sottili (come in foto). 
A questo punto, in una padella mettere dell'olio, e quando questo è caldo immergervi le bugie - o pillus frittus -  giusto un attimo, il tempo di prendere un po' colore, in quanto tendono a bruciacchiarsi in fretta. Quindi depositateli sopra una carta assorbente che li liberi dall'olio. Possono essere spolverati con un po' di zucchero o di zucchero a velo. Il risultato, se seguirete questo procedimento, è una vera squisitezza!

Varianti: le bugie di carnevale si possono fare anche ripiene, ad esempio di marmellata o miele, in quel caso i rombi andranno sovrapposti uno all'altro e chiusi con abilità. 

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...