sabato 3 dicembre 2011

Il car pooling, l'autostop organizzato

C'è una pratica di viaggio che sta prendendo sempre più piede tra i giovani, e si chiama car pooling (in inglese, auto di gruppo).
Per chi non lo sapesse, si tratta di una forma di autostop organizzato, in cui persone che non si conoscono entrano in contatto e condividono le spese di viaggio per recarsi insieme un festival, un concerto, una gara sportiva, o a visitare  una città.
 Il car pooling è economico, ecologico, sicuro - ci si registra - riduce i costi di trasporto a tutti i livelli e aiuta la mobilità sostenibile. E' un fenomeno diffuso soprattutto negli Stati Uniti e in Europa, ma che ultimamente si va affermando anche in Italia. Tanto che da tempo il sito italiano carpooling.it fa registrare un aumento costante nelle visite, e con 3,4 milioni di utenti registrati, 600.000 offerte di viaggio e richieste, per oltre 5.000 città in 45 paesi europei, è la banca dati più grande d'Europa in questa forma di viaggio. Molto carina anche l'applicazione facebook di questo sito, con la quale vedere i viaggi inseriti dai propri amici. 
Per trovare un passaggio si fa così: chi offre un passaggio si registra sul sito inserendo luogo di partenza  e di arrivo, poi aspetta chi lo cerca verso quella destinazione. Oppure semplicemente si può inserire il percorso che si desidera e si attende il contatto per un passaggio, gratis. I car pooler sono soprattutto giovani, spesso tra i 25 e 30 che fanno questa scelta per risparmiare. I luoghi più ambiti sono Roma, Milano, Firenze, Rimini, ma molte richieste di viaggio riguardano anche l'estero: Francia, Svizzera, Austria e Germania. Mediamente il risparmio di un week-end si aggira intorno ai 50€. 
Altri siti interessanti che propongono lo stesso servizio sono roadsharing.com e postoinauto.com, per chi volesse informarsi. In tutti i casi, un modo decisamente social e web 2.0 di muoversi, buona partenza e divertimento :-).  

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...