lunedì 26 dicembre 2011

Fabio Volo, personaggio dell'anno

Fabio Volo, qui la sua pagina facebook
A settembre scorso è uscito il suo ultimo romanzo, Le prime luci del mattino (Mondadori), che minaccia di essere un successo esattamente come il Giorno in più (2007) che ha venduto circa un milione di copie e dal quale Massimo Venier sta traendo un film (vedi il trailer) che lo vede nella parte del protagonista.  
Fabio Volo, 39 anni, è uno di quei fenomeni di massa italiani, che per quanto non semplici da spiegare dimostrano indubbio talento. La sua storia, un po' quella di Fiorello, l'altro superfenomeno nostrano, è chapliniana: da paniettere, a scrittore, attore, conduttore radiofonico (su Radio Deejay, con il Volo del Mattino). 
Una creatività molto à la page, la sua, fatta di pungente umorismo, naturale predisposizione al divertimento, con un interesse quasi alla Bukowski per le donne e la vita. A dire il vero, questo assomiglia più al ritratto più di qualche suo personaggio che al suo, dato che di recente ha affermato, su Vanity Fair, di essersi finalmente fidanzato e avere quindi - teoricamente - raggiunto la serenità. 
Di certo sono inquieti i suoi libri, come "E' una vita che ti aspetto", dove con semplicità un trentenne qualunque di oggi con un lavoro stressante si autoesamina mettendosi a nudo, tra amicizie in fuga, amori improbabili, ipocondria, torpore esistenziale, depressione e felicità. Il risultato è gradevole, i libri di Fabio Volo stupiscono per acume e sincerità leggera, che finisce per essere una lezione di vita. 

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...