sabato 23 marzo 2013

Seneghe

Il paese (vedi come arrivare)
Si dice che il nome Seneghe abbia origine da s'ena - che significa sorgente - infatti anche in questo piccolo centro del Montiferru non mancano le fonti boschive e molti pozzi sono disseminati all'interno del suo abitato.
Forse si tratta del primo motivo che ha portato l'uomo a stabilirsi in questa zona, come testimoniano i numerosi ritrovamenti archeologici del territorio seneghese:  nuraghi, e tombe dei giganti
L'economia di questo paese è di tipo agropastorale: molto praticato è l'allevamento bovino, in particolare della razza sardo-modicana, il cosiddetto bue rosso,  che qui vive ancora allo stato brado. 
Albero secolare nel bosco di Seneghe
Altra importante risorsa dell'economia è l'olivicoltura, le colline dei dintorni hanno a dimora un grande numero di alberi d'olivo. Da circa mezzo secolo è presente a Seneghe l'Oleificio sociale, una cooperativa di oltre trecento soci con un impianto moderno e razionale. Dal 1994, si svolge nei mesi di febbraio e marzo il Premio Nazionale Montiferru, il più importante nel suo genere per quanto riguarda l'olio d'oliva. L'ultimo fine settimana di Novembre, invece, si tiene la manifestazione Prentzas Apertas, momento in cui tanti visitatori   possono avere una panoramica delle produzione locale visitando i vecchi frantoi. Da qualche anno, inoltre, si tiene da queste parti un grande evento: il Settembre dei Poeti (Cabudanne de sos poetas), un festival di poesia (vedi il video) premiato nel 2009 come migliore manifestazione italiana del genere, che ogni anno fa rivivere e adorna con i suoi versi gli scorci suggestivi del centro storico,  le facciate aragonesi e le piccole piazze. 
Merita una visita, ed è di particolare bellezza (vedi la foto), il bosco comunale, chiamato dai seneghesi "su monte", che si estende per circa 900 ettari e in cui si possono osservare varie specie forestali, alberi secolari e numerose specie animali e vegetali di interesse naturalistico

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...