giovedì 24 gennaio 2013

Il Nuraghe Losa di Abbasanta

Tra i monumenti più interessanti della provincia di Oristano c'è senza dubbio il Nuraghe Losa di Abbasanta. Di nuraghi in Sardegna se ne contano ancora moltissimi, l'etimologia del nome si dice derivi da nur, che nel proto-sardo stava a significare mucchio di pietre.
In effetti, i nuraghi (vedi il video) altro non sono che gigantesche costruzioni di pietra, progettate però con grande raffinatezza. Pensate che queste imponenti torri circolari venivano innalzate con dei massi ben sistemati e senza l'utilizzo di alcuna malta cementizia, mentre la copertura era a tholos, cioè la volta andando verso l'alto si restringeva fino a chiudersi con un'unica pietra. In Sardegna si stima ce ne siano circa 8000, costruiti durante l'età nuragica, in un periodo tutto sommato ristretto, concentrato nell'Età del bronzo, tra il 1600 a.C. e il 900 a. C.
Descrizione: il complesso del nuraghe Losa è stato oggetto di varie campagne di scavo, già dalla fine dell'Ottocento e per tutto il corso del Novecento. Non è stato portato alla luce del tutto, ma ciò che si vede è una struttura maestosa (vedi la pianta), il cui nucleo si articola in una torre principale troncoconica, intorno alla quale sono disposte tre torri unite da una cortina muraria. Per entrare al nuraghe ci sono due ingressi sopraelevati sul piano di campagna, e all'interno si aprono diverse camere, dove si distingue per ampiezza quella centrale. Una scala, disposta a fianco ai muri della torre centrale, sale a spirale collegando questa camera con quella superiore e con la sommità della stessa torre, che costituiva un importante osservatorio dell'altopiano e dell'area dell'insediamento, estesa in tutto per ben tre ettari e mezzo.
Come arrivare: il sito del nuraghe Losa è situato a poca distanza dalla ss 131, all'altezza dei km 123-124, vicino ad Abbasanta e nei pressi del bivio per Nuoro. Si trova a destra per chi arriva da Sassari e a sinistra per chi giunge da Cagliari. La gestione del sito è affidata alla Cooperativa Paleotour, che da anni si occupa della tutela e valorizzazione del sito archeologico, e costituisce una delle eccellenze della provincia.
Orari: il nuraghe Losa è aperto e visitabile tutto l'anno, dalle 9 del mattino a un'ora prima del tramonto. Si organizzano anche laboratori didattici, e nel periodo estivo suggestive visite guidate notturne.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...