giovedì 27 ottobre 2011

Storia della bandiera sarda

La bandiera dei quattro mori
Se un turista vi fermasse per la strada e vi chiedesse qualcosa sulle origini e la storia della bandiera sarda, pensate che sapreste rispondere? In altre parole, vi interessano il significato e il simbolo della bandiera ufficiale della Sardegna?
Un turista spagnolo, anzi catalano ;-), quest'estate si è mostrato molto interessato alla faccenda, e ne discuteva con un'amica, facendo ingresso all'Ufficio informazioni di Oristano. Era l'una in punto, stavamo per chiudere, ma abbiamo volentieri lavorato qualche minuto in più per servirgli qualche gustoso anedotto sulla bandiera dei quattro mori. Confesso che è stato necessario sbirciare qualche fonte, almeno relativamente alla questione che a lui stava più a cuore, sul perché i mori vennero ritratti a un certo punto non più con la benda sulla fronte ma sugli occhi. Emanuele, un collega, traduceva ottimamente in spagnolo le preziose informazioni storiche.
In realtà l'origine della bandiera sarda è avvolta dal mistero, ma le teorie più fondate accreditano l'invenzione dello stemma a Pietro I d'Aragona, che durante la Reconquista spagnola, nel 1096, sconfisse presso gli alti Pirenei, nella piana di Alcoraz di fronte alla città di Huesca, il re saraceno Abderramen. Si racconta che alla fine della battaglia, vennero ritrovate sul campo le teste di quattro principi mori adorne di pietre preziose e con la fronte e il capo avvolte nei turbanti. Dopo questa importante vittoria, fu riportata in uno dei quattro quarti della bandiera aragonese con la croce rossa dedicata a San Giorgio - che sarebbe intervenuto nella battaglia favorendo la Corona d'Aragona - un nuovo simbolo, costituito appunto dai quattro mori, con la benda sulla fronte e lo sguardo rivolto in alto, in segno di regalità.
Lo stemmario di Gerle
Quando poi la Sardegna passò sotto il dominio degli spagnoli, questa bandiera fu ceduta ai sardi e venne inclusa nello stemmario di Gerle - composto tra il 1371 e il 1395, è conservato alla biblioteca di Bruxelles - il quale rappresentava i possedimenti della Corona d'Aragona (vedi foto). Non è da escludere una manipolazione in epoca successiva dello stemmario, in quanto in esso vi appare anche la Corsica, con un solo bendato, ma la distinzione tra il regno di Corsica e quello di Sardegna è successiva (1479). Di certo, dal cinquecento in poi, la bandiera dei quattro mori sta a indicare con continuità soltanto la Sardegna. La ragione del perché a un certo punto, durante il periodo Sabaudo, i mori appaiono bendati sugli occhi in realtà sarebbe banale, dovuta a un errore durante l'esecuzione delle prime stampe, nel Settecento. In seguito, cioè negli anni venti e dal 1952, il Partito Sardo d'Azione prima, e la regione Sardegna poi, hanno deciso di adottare la bandiera come simbolo del popolo sardo, fatto curioso se si pensa che all'origine essa stava a indicare i dominatori spagnoli, e il simbolo del Giudicato Arborense era l'albero con la radice. Con la legge regionale n° 10 del 1999, si sancisce il ritorno alla prima versione, con le bende sulla fronte, come simbolo di rinnovata libertà e prosperità per la Sardegna.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...