martedì 13 settembre 2011

Oristano, la città originale

La Torre di Mariano II in piazza Roma
In crisi creativa con il blog, come ogni tanto mi capita, prendo spunto, per un nuovo articolo, da un trafiletto apparso oggi su l'Unione Sarda, che inizia proprio così: Oristano, città originale. Il titolo della notizia precisa  in che cosa, a Oristano si sia fuori dalla norma: dal Museo a Portixedda, di domenica è tutto chiuso. 
Purtroppo questa è da tempo una triste realtà del capoluogo oristanese, ovvero il centro storico anche piuttosto gradevole della città, con diverse cose da vedere - dalle chiese, ai monumenti, al museo - spesso è praticamente impossibile da visitare. E questo non è certo un invito e un segno di accoglienza per i turisti di passaggio, che magari la domenica e non solo capitano da queste parti, e non sanno come spendere qualche ora. Si può e si dovrebbe fare molto di più. Manca un minimo di coordinamento e di buona volontà, oltre che i soldi: forse nella placida Oristano hanno dominato troppo a lungo gli hidalgos, e contagiato la loro indolenza. Sarà.
Comunque sia, Dio ci scampi anche dai giornalisti e dalla loro cattiva pubblicità. Nell'articolo sono presenti alcune espressioni un po' grossolane. La prima, sostiene che di domenica "ci si permette il lusso" di aprire l'Ufficio informazioni soltanto al pomeriggio (ore 17-20). Che espressione... non una parola, invece, sul fatto assai meritorio che a Luglio e ad Agosto l'Ufficio è rimasto a disposizione dei turisti con orario continuato, e solo da due settimane, in conseguenza di una palese diminuzione del flusso dei vacanzieri, si è scelto di non aprire la domenica mattina. Il lusso, semmai, sarebbe poter tenere aperto, con la crisi in atto. Lo stesso giornalista, poi, si avventura in una constatazione infelice. Sostiene che l'orario di apertura (ore 15-20) dell'Antiquarium arborense riportato nel sito internet del Comune sarebbe sbagliato, rispetto a quello  estivo (ore 17-22). Mistero oppure no? In realtà, nessun errore. Da Settembre l'orario è cambiato tornando quello usuale, cioè, ore 15-20. Quindi a sbagliarsi è il giornalista (che perciò al museo non c'è  andato).
In definitiva, se capitate a Oristano, magari una domenica mattina, cosa potete visitare? La Cattedrale di Santa Maria Assunta, aperta dalla mattina alla sera, con visite guidate a cura di alcuni studenti, e il centro storico poco affollato e quasi tutto per voi, ma con i monumenti e il museo chiusi.  Anche se Oristano, si sa, spesso è solo una tappa di passaggio verso mete più ambite, come le spiagge del Sinis, i vicini stagni, i diversi siti archeologici, le non lontane miniere di Montevecchio e le dune di Piscinas, qualcosa in più ci vorrebbe. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...