mercoledì 7 settembre 2011

La chiesa campestre di San Lussorio

Tra le chiese campestri più carine della provincia di Oristano, c'è senza dubbio, per storia e ubicazione, la chiesa di San Lussorio.
La si incontra sulla destra alla sommità di una piccola collina, percorrendo la SS 338, a circa 2 km dall'abitato di Fordongianus (l'antica Forum Traiani), famoso per le terme di epoca romana e per la lavorazione della trachite.
Il santuario di San Lussorio sorge nel luogo in cui si ritiene fu martirizzato il Santo, intorno al 300. La storia di San Lussorio è interessante. Pare che al tempo di Diocleziano e Massimiano, Lussorio fosse un uomo pagano che, durante la propria attività al servizio dell'imperatore, entrò in possesso delle Sacre Scritture. Ne restò così affascinato, che decise di abbandonare la sua condizione di pagano e di convertirsi al Cristianesimo. In breve tempo, a seguito di una denuncia fu portato davanti al praeses, di cui era collaboratore con il ruolo di apparitor, e fu fatto arrestare. La Passio che racconta il confronto tra le tue figure, e della fine di Lussorio, espone il giudizio in forma di controversia religiosa, con il Santo che affronta con fermezza ogni domanda del magistrato, le torture, senza per questo rinnegare la fede acquisita. Subì la morte, mediante decapitazione, dodici giorni prima delle calende di settembre (21 agosto) - periodo nel quale oggi ne ricorre la festa - e fu seppellito all'interno di una cripta.
Già al tempo di Traiano, come precisa il nome Forum Traiani, l'odierna Fordongianus era un importante emporio commerciale, nonché il principale presidio militare con la civitas barbarie dell'interno Sardegna, ruolo che mantenne anche in epoca bizantina, data la posizione strategica. L'area martiriale dedicata al Santo pare fosse in un cimitero e avesse un'area di culto a lui dedicata, già dal IV secolo. La costruzione della chiesa romanica di San Lussorio risale al XII secolo. Dell'edificio originario restano oggi soltanto l'abside e il lato settentrionale, mentre la facciata fu ricostruita in età aragonese, la orna infatti un portale gotico-catalano.


0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...