martedì 8 marzo 2011

Seadas

Con il tempo sono diventate uno squisito dolce da servire come dessert, ma anticamente le seadas (qui un video) erano un secondo, o forse un piatto unico che i pastori consumavano al rientro da lunghi mesi appresso alle greggi. L'origine è certamente barbaricina, ma oggi sono diffuse e apprezzate in  tutta la Sardegna. La ricetta delle seadas conosce numerose varianti, questa è quella più classica e legata alla tradizione.


Ingredienti:
500 gr. di farina
400 gr. di formaggio pecorino fresco
50 gr. di strutto
un limone
semola fine
miele amaro
sale
olio
acqua


Preparazione: Versare la farina sulla spianatoia. Mettete al centro lo strutto, sciolto a bagnomaria, e poca acqua leggermente salata. Lavorate con energia gli ingredienti, così da fare un impasto elastico e morbido. Poi dovete tagliare a pezzettini il formaggio, e metterlo in una casseruola insieme con 2,5 dl d'acqua e un cucchiaio di semola fine. Ora fate cuocere a calore moderato, mescolando bene, fino a ottenere una crema densa.  Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire, e con le mani bagnate fate delle palline, schiacciate e fatele asciugare sopra un telo. Con un mattarello dovete tirare l'impasto e ricavare dei dischi di sfoglia sottile, del diametro di una decina di centimetri. Mettete al centro di metà dei dischi una pallina di formaggio e copriteli con i rimanenti. Premete quindi con energia gli orli in modo che restino uniti e fate friggere in abbondante olio bollente. Fate sciogliere il miele a bagnomaria e spennellate le seadas prima di servire. 
  
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...