lunedì 24 gennaio 2011

Le maschere del Carrasegare 'osincu

Ragazzi vestiti in cerca di Giolzi (foto conoscibosa.net)
Manifestazione folkloristica di grande importanza per la provincia di Oristano è il Carnevale di Bosa
Si tratta di un'occasione di divertimento e trasgressione, le cui tappe sono: il giovedì grasso, con la sfilata dei carri e delle maschere; il sabato, quando fanno festa le cantine del paese, che vengono aperte a tutti e si ha l'offerta per le strade di un generoso bicchiere di vino; il martedì grasso, cioè l'ultimo giorno di Carnevale, momento in cui vengono portate in giro le suggestive maschere  della tradizione, S'Attittidu e Giolzi
Il primo esce al mattino, e va in giro chiedendo un goccio di latte per un bambino che muore, allegoria del Carnevale che sta per concludersi, con la gente si veste di nero. Questa è la rappresentazione fallica. 
Il secondo, prevede che alla sera la gente si vesta di bianco e con abiti elaborati, e vada in giro chiedendo del re del Carnevale, Giolzi appunto, dove ogni gruppo che vaga si costruisce un fantoccio che lo rappresenta, i quali vengono bruciati alla fine della festa. 

1 commenti:

  1. Il Carnevale di Bosa... c'ero... evento bellissimo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...